Partinico, bene il primo giorno di chiusura discarica di Catania: L’Ass. Monica Supporta. “Collaboriamo tutti insieme”

Regolare stamattina la raccolta dei rifiuti a Partinico. L’allarme era sorto ieri per una improvvisa comunicazione della chiusura per una settimana della discarica di Catania dove il comune del palermitano conferisce l’organico. I cittadini più sensibili hanno mostrato di aver recepito l’invito del sindaco Maurizio De Luca (qui il link:  http://www.giornalesiciliano.it/2019/03/18/partinico-si-risveglia-con-il-blocco-del-conferimento-dellorganico/ ) a conferire con maggiore attenzione e, per quanto possibile diminuire la produzione di umido per questa settimana. Le soluzioni che possono alleviare il problema temporaneo sono: conferire nei centri di raccolta, evitando il deposito sulle pubbliche vie;  se è possibile evitare il conferimento nella giornata di mercoledì, riservandosi il deposito o venerdì o, ancor meglio, il lunedì prossimo, quando dovrebbe riaprire il centro rifiuti catanese. Ultimo accorgimento, evitare prodotti che producono grandi quantitativi di umido, riciclare e reinventare il surplus di cibo per ottenere nuove pietanze, pratica virtuosa in ogni momento. “In accordo col sindaco – dichiara l’Assessore all’Ambiente Monica Supporta – abbiamo deciso di continuare a mantenere il servizio di raccolta differenziata, nonostante le serie difficoltà oggettive relative al conferimento in discarica dell’umido. Oggi, infatti, come tutti i cittadini hanno potuto constatare, il servizio è stato assicurato. Purtroppo, i comuni subiscono le conseguenze di un sistema (congegnato a livello sovracomunale) che soffre di molte criticità che creano emergenze quasi quotidiane. Chiedo ai cittadini di limitare il conferimento di umido il più possibile o, se possibile, di cercare di tenerlo in casa fino a venerdì o meglio ancora a lunedì (quando riaprirà la discarica). Mi appello al vostro senso civico e ricordatevi che, come disse Padre Pino Puglisi, ‘se ognuno di noi fa qualcosa, insieme possiamo fare tanto’.

Antonio Catalfio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: