Terrasini: Flashmob ristoratori: “Aiutateci con sostegni concreti”.

Alle 21, per pochi minuti, si sono riaccese le insegne dei locali di Terrasini. Un flashmob dei ristoratori anche nella cittadina marinara che ha riacceso i colori abituali delle vie e piazze del centro urbano. Sikaru, Cucinella & Co., Enjoy, Arabesque, Renoir, PierBar, Caffè del Duomo, Bottega 89, Ouhlalà, Massaro, Muir, Al buon Gusto, Gelateria Vernaci, le principali insegne che hanno manifestato, rispettando le misure di sicurezza. “Anche noi aderiamo al flashmob nazionale dei ristoratori – dichiara il Comitato commercianti riuniti – Alle 21.00 abbiamo alzato la saracinesca e acceso l’insegna dei locali per portare all’attenzione le difficoltà che si prospettano insieme a una riapertura del nostro settore con le nuove restrizioni. I luoghi come il nostro nascono anzi tutto per lo svago e l’aggregazione, che in tempi di distanziamento sociale sono probabilmente un controsenso. Se non ci sono le condizioni per riaprire siamo disposti a non riaprire. Intanto, chiediamo di aiutarci a passare la crisi con sostegni concreti che non ci portino a contrarre virus e nuovi debiti”. Una categoria trainante dell’economia cittadina dimenticata, con le chiusure infatti si sono persi tantissimi posti di lavoro.

Antonio Catalfio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: